Menu
X

Utilizzo a fini commerciali di fotografia altrui senza logo

DOMANDA: Mi occupo di commercio on line di abbigliamento personalizzato per tifosi di calcio. Ho commissionato e regolarmente pagato un fotografo affinché realizzasse delle fotografie dei capi d’abbigliamento da me venduti, per poterle pubblicare sul mio sito. Ho, tuttavia, notato che altri soggetti, miei diretti competitor, utilizzano le foto da me commissionate al fine di commercializzare on line gli stessi prodotti. Nelle foto, tuttavia, non ho fatto inserire alcun logo che indichi il mio nome in qualità di committente delle stesse. Posso ottenerne la rimozione dai siti dei miei concorrenti?

COSA DICE LA LEGGE: Innanzitutto, in casi come questi, occorre, preliminarmente, prendere visione delle fotografie al fine di comprendere in quale categoria giuridica le stesse vadano catalogate.

Dalle informazioni fornite è presumibile ritenere che le stesse non presentino un apprezzabile contenuto artistico, ma che si tratti di comuni fotografie realizzate per finalità commerciali.

A tal riguardo, la legge sul diritto d’autore (L. 633/1941), distingue tra “semplici fotografie”, costituite da immagini di persone oppure di aspetti, elementi o fatti della vita naturale e sociale, e “riproduzioni fotografiche”, le quali sono costituite da fotografie di scritti, documenti, carte di affari, oggetti materiali, disegni tecnici, nonché prodotti simili (art. 87).

Alle semplici fotografie il Legislatore accorda una tutela consistente nei soli diritti patrimoniali, garantiti all’autore per 20 anni dalla data di produzione della fotografia, solo qualora la singola foto riporti: 1) il nome del fotografo, o dell’impresa da cui il fotografo dipende, oppure ancora del committente; 2) la data dell’anno di produzione della fotografia; 3) il nome dell’autore dell’opera d’arte che viene eventualmente ritratta (art. 90). Le fotografie che non riportino tali indicazioni sono liberamente utilizzate dai terzi. Le riproduzioni fotografiche, invece, tendenzialmente non godono di alcuna tutela giuridica, in quanto sono considerate prive di ogni attività inventiva. Sono, quindi, liberamente utilizzabili dai soggetti terzi. Tuttavia, la giurisprudenza ritiene che quando queste ritraggono oggetti materiali, possono comunque godere della tutela più o meno ampia accordata dalla legge sul diritto d’autore quando non abbiano una funzione meramente riproduttivo-documentale, ma siano anche destinate a scopi ulteriori, quale, ad esempio, la commercializzazione o la promozione di un prodotto (Cass. civ., 8425/2000).

In ogni caso, però, poiché risulta che le stesse non contengano né il nome del committente, né l’anno di produzione, si deve ritenere che, purtroppo, non si possa richiedere la rimozione delle stesse dai siti internet dei competitor.

Desideri approfondire questo argomento o richiedere una consulenza? Clicca sul nome dell’autore che trovi sopra il titolo.

Nessun Tag inserito
Torna alla Home

© Copyright 2017 Cosa dice la Legge. Tutti i diritti sono riservati. P.IVA 03595790274